Capitolo IV


Erano stati due giorni tranquilli, e i turni di guardia si susseguivano noiosi e tetri, nella contemplazione dell'immensa spazialità siderale.

Nulla.

Nulla.

Cioè niente!

Non c'era proprio un cazzo!

Quando all'improvviso... «Ragaffi, ragaffi, credete di effere a fcuola?»

«Accidenti!» urlò Mark «si è guastato ancora il modulo vocale!!! E non abbiamo i pezzi per ripararlo!!!»

«Fammi vedere cosa cazzo è successo!» saltò sù Jake «Ma è mai possibile che qua non ci diano mai qualcosa che funziona bene!? Quando torniamo gli rompo il culo a quelli dell'amministrazione e dell'economato! È tutto sgevolo!»

Nick arrivò assonnato con una manata di fili e un saldatore laser che aveva rubato nel settore Omega 227.

Dopo aver pilonato abbondantemente si levò in piedi con un sorriso idiota e disse «Questa merda di computer non parlerà mai come un essere umano!!!»

A quel punto il JN11 attivò il video principale e mostrò una mappa dettagliata dei più vicini 30 anni luce.

«Un' astronave della classe Lions modello Teeth56!»

«Aaagh! È la più terribile di tutte» esclamò Jake.

Yena prese in mano la situazione e assunse il comando.

«Jake al settore phaser, Nick al settore destabilizzazione atomica e Mark alla console di volo!»

Intanto, mentre Yena emanava questi ordini, la Lions ebbe il tempo di avvicinarsi a meno di 2 crumbalioni di chilometri (circa uguale a 2367,8m).

I cannoni della Lions sputarono un fottìo di fotoni e la CrossRay incassò un tremendo colpo.

Yena disse «È il caso di alzare uno o due scudi, che me li ero scordati giù! E già che abbiamo questo sfarzo, diventiamo anche invisibili!!!»

«EEhhh, pesjishimo!!!» urlarono gli altri!!!

Quando si riebbero dalle risate Yena disse «Ooh, un po' di mossa!!!»

Mark allora, dopo avere eseguito l'ordine, pensò di inserire nel registratore della console una cassetta di Vekkyetty (un cantante un po' sfigato del momento) e inserì il trasmettitore a microonde.

Non appena iniziò la prima canzone, la Lions virò bruscamente, e andò a sbattere contro uno stormo di meteoriti che passava di li per caso.

Poi, appena il suo capitano si riebbe dallo choc, ebbe la malaugurata idea, per lui, di renderci pariglia, e cominciò a trasmettere la sigla di Batman's revenge, registrata illegalmente da RadioGalassia 103.1 EsageraHertz (1E un totale).

A quel punto Yena si eccitò tanto che prese dall'armeria destabilizzatore aTommyco peso tre quintali e mezzo e correndo aprì un' oblò, incurante del risucchio, e puntò l'arma contro la Lions, attese la fine della sigla, e sparò un esagerazione di scariche destabilizzanti, senza avere pietà nemmeno per le capsule di salvataggio, piene di vecchi, donne e bambini. Poi richiuse l'oblò e urlò a denti stretti «Aaahh, ma che schifo!!! Non si vede neanche un po' di sangue!!!»

Gli altri, che si stavano ancora riprendendo dallo sbalzo di pressione causato dall'incauta azione di Yena, si guardarono stupefatti ed esclamarono insieme «Mah!»

JN11 riprese la conversazione «Avete finito? Bene, mettete via i difchi e fpegnete le macchine!»

Mark saltò su «Hop! Che sfiga! Adesso non gli tira il culo solo al sintetizzatore vocale, ma anche a tutto il resto!»