Seduto accanto a Voi
qui sulle rive del nostro mare
vi osservo in silenzio
ed attendo che si compia il tempo
e riapriate gli occhi
che sognano di altre terre.
Il vento increspa appena l`acqua
come una pergamena stropicciata
fischia tra i merli del castello
una nenia un po` triste
così mi sdraio sulla rugiada
stringo la vostra mano
mi perdo nel profumo del muschio bianco
e sereno attendo
di udire il dolce suono della vostra voce
e di sentire il cor fermarmi in petto