Una piccola fiamma ha attraversato la tua notte scura
ed è caduta con uno schianto
squarciando col dolore
<il più grande>
una terra che ancora non conoscevo

Un bagliore improvviso e la notte infinita
è scesa spegnendo ogni luce
ed ha lasciato
solo un cumulo di sassolini
ed il suo nome

 

 


Questa poesia è dedicata ad un bambino morto. O almeno lo credevo tale, dai racconti di Shulamit.
Simone era il figlio che perse con un incidente quando il piccolo aveva solo tre anni. Mi colpì molto profondamente questa vicenda, così come mi colpì in seguito scoprire che non era morto, ma che mi erano state raccontate tante bugie, forse per impietosirmi in qualche maniera.
Qualsiasi cosa sia accaduta in realtà, Simone è un simbolo, il simbolo della purezza calpestata dal destino, l'immagine di quanto piccoli siamo tutti, di fronte al mistero della morte.