Ho visto le spine sul gambo della rosa
infilarsi con dolore nelle mie carni
e tingersi del rosso della mia anima

ho visto l'idea stessa della moralità
togliersi i veli uno dopo l'altro
e danzare nuda sul cadavere dei miei sogni

ho visto l'acqua limpida e dolce
farsi improvvisamente torbida
e tumultuosa scivolarmi via tra le dita

ho visto il sorriso più bello
farsi laido squallore di rossetti
e danzare tra lingue lubriche e viscide

ho visto mani e cosce e seni
e labbra bramose di passioni
abbandonarsi senza ritegno a parole oscene

ho visto l'agnello gettarsi sull'altare
ed offrire le proprie carni
a folle esultanti di perversione

ho visto promesse infrante, dimenticate,
piccole scuse di grandi problemi
rispondere egoiste a mille domande

ho visto l'amicizia derubata, insultata,
la sincerità venduta per una emozione più forte,
la bellezza regalata ad ignobili sconosciuti.

Poi ho chiuso gli occhi
ed ho pianto.